Le forze di sicurezza libanesi, invece di perseguitare il fotoreporter Abdullah Doma, dovrebbero assicurarsi che possa lavorare in sicurezza e senza paura di rappresaglie.

Doma è stato arrestato la prima volta il 28 marzo per aver scattato alcune foto durante l’“Earth Hour”, evento etichettato come offensivo nei confronti dell’Islam perché, secondo il Ministro delle Convenzioni Religiose e Affari Islamici, all’interno del meeting uomini e donne entravano in contatto fisico.

Il fotografo è stato rilasciato dopo 24 ore ma è stato incarcerato di nuovo poiché alcuni membri rivali delle forze di sicurezza libanesi pensavano che sarebbe stato meglio tenerlo ancora in custodia.

Nuovamente libero, il giorno dopo è stato chiamato a presentarsi al Ministero dell’Unità Antiterrorismo dove i funzionari gli hanno confiscato la carta di identità. ePer completare l’opera, lo hanno obbligato a firmare una serie di documenti, senza però dare la possibilità al fotoreporter di leggerli.

Le forze speciali del Libano orientale sono intervenute e hanno permesso al giornalista di lasciare il palazzo. Allo stesso tempo, altre autorità hanno ordinato un procedimento penale contro Doma.

Vi terremo aggiornati qualora ci fossero ulteriori sviluppi in merito a questa bizzarra, triste, disarmante, vicenda…

Share This
jQuery(function($){ $('.et_pb_post_slider .et_pb_slide').click(function(){ var url=$(this).find('.et_pb_more_button').attr('href'); if (url) { document.location = url; } }); });