Imbavagliati si unisce all’appello degli amici di Abhijit Iyer Mitra, il giornalista arrestato per aver pubblicato un breve video che alludeva alla natura sessuale delle sculture nell’intero Tempio del Sole a Konark, al fine di satirizzare le evidenti contraddizioni delle società umane. Essendo  omosessuale, egli è dolorosamente consapevole del modo in cui le ortodossie nelle varie religioni cercano di esercitare il controllo sui costumi sessuali della società. Per questo motivo, Iyer ha sempre sostenuto la nozione di pluralità e per affrontare la verità riguardo alla vasta gamma di pratiche sessuali prevalenti in tutte le culture.

Questo il link della petizione: https://www.change.org/p/odisha-government-freedom-of-speech

Di seguito il testo tradotto, tratto dalla petizione:

Di recente, la polizia del governo di Odisha ha arrestato il mio amico Abhijit Iyer Mitra, uno dei principali analisti della difesa e della politica estera in India. Oltre a lavorare in un rinomato think-tank a Nuova Delhi, è stato un prolifico scrittore e commentatore, sia nella stampa indiana che nei media televisivi. Il suo profilo sui social media e dozzine di brevi video attestano la sua inclinazione alla satira, al sarcasmo, all’umorismo slapstick e al contrarianismo non convenzionale. È stato anche aperto sulla sua omosessualità molto prima che l’India depenalizzasse il sesso gay.

Ora, perché è stato arrestato?

Il suo crimine: ha fatto uno scherzo.

Qual era lo scherzo?

Durante una visita al famoso Tempio del Sole a Konark, Bhubaneswar, ha fatto un breve video, come al solito, per satirizzare le evidenti contraddizioni delle società umane. Il video comico alludeva alla natura sessuale delle sculture nell’intero tempio.

Insieme al video, ha pubblicato una serie di tweet che descrivono le varie sfaccettature dello stato di Odisha, esaltando non solo la brillantezza architettonica e strutturale del tempio, ma anche il suo paesaggio, la sua gente e la sua cucina.

L’idea alla base della satira nel video era di criticare i prudenti e i conservatori indù che negano la celebrazione storica dell’India della diversità, della libertà e dell’apertura. È stato anche uno scavo per gli indù conservatori e comunali che danno la colpa a tutto ciò che riguarda i musulmani.

Essendo egli stesso un omosessuale, e quindi dolorosamente consapevole del modo in cui le ortodossie nelle varie religioni cercano di esercitare il controllo sui costumi sessuali della società imbiancando la diversa esperienza all’interno delle proprie culture / gruppi religiosi, Iyer ha sempre sostenuto la nozione di pluralità e per affrontare la verità riguardo alla vasta gamma di pratiche sessuali prevalenti in tutte le culture.

Solo pochi giorni fa sui social media, aveva sfidato la nozione comune degli alfieri di destra indù sulla bestialità. Iyer li aveva esortati a non demonizzare i musulmani per la bestialità poiché non era specifico per i musulmani. Aveva pubblicato fotografie di sculture a Khajuraho e Barsur per stabilire che è comune a tutte le culture.

Ma la polizia di Odisha ha scelto di perseguitare Iyer perché si adatta alla politica dello stato. I politici e i legislatori del partito di governo dello stato di Odisha sono scesi in piazza, bruciando le sue effigi, il petto picchiando “ha ferito i sentimenti religiosi” e persino hanno continuato a portare un moto di privilegio contro di lui nell’assemblea legislativa statale. Di conseguenza, folle frenetiche, sia sulle strade che sui social media, hanno iniziato a minacciare di uccidere Iyer.

La polizia di Odisha ha arrestato Iyer secondo le sezioni dell’Indic Penal Code (IPC), 295A e 153A, che criminalizzano qualsiasi discorso o espressione che possa ferire i sentimenti religiosi e disturbare l’armonia comunitaria. Sebbene gli sia stata concessa una breve cauzione per il transito da parte di un tribunale locale, la Corte Suprema dell’India, in modo piuttosto sfacciato, ha rifiutato di liberare Iyer citando l’incitamento ai sentimenti religiosi. È fondamentale notare che non ci sono stati scontri comunali o violenze diverse da quella minacciata contro Iyer.

Questa censura e gagging di persone in India è stata un fenomeno comune. Il diritto è sempre stato abusato / maltrattato dai partiti politici e dai politici per mettere a tacere i loro oppositori e pander ai rispettivi collegi elettorali conservatori e votare le banche. Quindi, non c’è quasi alcun movimento da parte di alcun gruppo politico o della società civile contro le leggi arcaiche draconiane come IPC 295A e 153A.

Se sei un membro coscienzioso della società civile o un credente nelle idee di democrazia, libertà e diritto alla libertà di parola ed espressione, per favore, fatti avanti, firma questa petizione chiedendo la liberazione di Abhijit Iyer e la fine della caccia alle streghe politicamente motivata contro di lui.

Amici di Abhijit Iyer Mitra

Share This
jQuery(function($){ $('.et_pb_post_slider .et_pb_slide').click(function(){ var url=$(this).find('.et_pb_more_button').attr('href'); if (url) { document.location = url; } }); });