Gli utenti in tutto il pianeta possono avere libero accesso a Ozguruz (sito web turco di Can Dundar’s), Azathabar (Turkmenistan), Meydan (Azerbaijan), Doha News (Qatar) e Alqst (Saudi Arabia) grazie all’operazione #CollateralFreedom. Mediante una particolare tecnologia, si riesce di fatto a eludere la censura. Specchi o duplicati dei siti censurati vengono creati sui server dei giganti mondiali di Internet. I regimi dittatoriali non possono bloccare l’accesso a questi siti-specchio senza restringere il loro proprio accesso ai servizi di queste compagnie internet in pratica autoescludendosi dalla comunicazione globale. Come dire che i censuratori finiscono per auto-censurarsi!

E’ possibile supportare questa grande innovazione tecnologica, che permette ai giornalisti di esprimersi liberamente attraverso un canale visibile in tutto il mondo, attraverso una donazione.

Donazione singola da 25$ in su

Donazione mensile da 5$ in su

Per maggiori informazioni: https://donate.rsf.org/form/index.php

Share This
jQuery(function($){ $('.et_pb_post_slider .et_pb_slide').click(function(){ var url=$(this).find('.et_pb_more_button').attr('href'); if (url) { document.location = url; } }); });